NASA è di nuovo in contatto con la sonda Voyager 2

Nuovo articolo di Marco Carrara pubblicato su AstronautiNEWS.it

10 Mi Piace

Quindi tutte le sonde interplanetarie, a parte V2, sono “al di sopra” o poste lateralmente alla Terra? :hushed:
Questo è per via della dinamica dei lanci dovuta al posizionamento dei pad?

La traiettoria di Voyager 2 ha portato la sonda molto a sud del piano dell’eclittica, alla latitudine eclittica di circa -34°. Quindi è visibile solo nei cieli australi dove si trova l’antenna con cui è stata recentemente contattata. In altri siti con antenne adatte Voyager 2 non sorge sopra l’orizzonte.

4 Mi Piace

Ho controllato meglio, la latitudine eclittica di Voyager 2 è di circa -37° e ha una declinazione di quasi -60°.

4 Mi Piace

Quasi tutto è nel piano dell’eclittica, grado in più grado in meno dove sono tutti i pianeti, perché spostarsi da questo piano costa molto in termini energetici e soprattutto non c’è niente da guardare.
Voyager 2 è stata sbalzata dal piano da Nettuno, con una fionda gravitazionale. A memoria ci sono altre due sonde almeno in orbita eliocentrica molto inclinata, entrambe hanno come obiettivo lo studio dei poli del Sole: Ulysses e Solar Orbiter. L’ultima in realtà la dovrà inclinare in futuro, ancora lo è poco.
Non c’entra quasi nulla con i pad sulla Terra.

8 Mi Piace

Volevo sapere esattamente questo. Grazie mille.

Quindi anche Ulysses e SolO avranno difficoltà di comunicazione o saranno comunque all’interno del range del DSN?

1 Mi Piace

Sono più vicini e basta un’antenna di 35 metri per parlare con loro. Antenne così piccole ce ne sono a bizzeffe in giro per il mondo (forse addirittura 20!).
Ulysses comunque è finita, SolO userà principalmente le antenne dell’ESA, quindi ESTRACK, non DSN. ESTRACK ha pure le antenne dislocate come il DSN, ma due centri nell’emisfero australe, Australia e Argentina, e uno in quello boreale,mi pare in Spagna.
Non ha antenne di 70 metri,massimo 35. ESA non è mai andata oltre Saturno.
Non ci saranno difficoltà di comunicazione.

9 Mi Piace

Grazie per lo spiegone.

2 Mi Piace

Corretto al 104%.
ESTRACK ha tre antenne da 35 metri:

  • New Norcia, Australia
  • Malargüe, Argentina
  • Cebreros, Spagna

Le prime due sono nell’emisfero australe e New Norcia viene spesso “prestata” a NASA per le missioni marziane in quanto in posizione ideale per comunicare in direzione Marte.
In cambio NASA presta tempo antenna ad ESA su DSN. Con Gaia abbiamo approfittato varie volte del DSN dopo aver ceduto a NASA pass su New Norcia.

Infine, un piccolo video che ho raccolto personalmente a Cebreros, che da un’idea di come si muova una 35 metri. L’antenna parte da posizione stowed (neutra) e va a puntare Mars Express.

11 Mi Piace

L’ampiezza del fascio e’ tale che “basta” puntare il pianeta?

1 Mi Piace

Direi che non c’è problema. Il diametro angolare di Marte al momento è di 19" d’arco, e al massimo è circa 20". Il fascio dell’antenna da 35 m a 8,5 GHz è di circa +/- 1,8’, 180" d’arco, a -3 dB e di +/- 36" a 0,1 dB. Per cui illumini tranquillamente tutto Marte e le orbite circostanti, salvo avere orbite molto eccentriche; ma in ogni caso l’antenna punta la posizione corrente dello spacecraft, non il pianeta.

6 Mi Piace

bellissime immagini, grazie!! :star_struck: :+1:

2 Mi Piace

L’antenna DSS-43 ha effettuato una dimostrazione delle sue capacità migliorate dopo l’aggiornamento.

5 Mi Piace