Z-1 Spacesuit Prototype

constellation-space-suit

#1

Sulla pagina flickr NASA: 2Explore appare una nuova serie di foto della tuta di Buzz Lightyear… ehm volevo dire della Z-1, il prototipo delle future tute che gli astronauti indosseranno durante le missioni deep-space.



#2

Bhè, in effetti …
Il prototipo dovrebbe essere operativo per il 2014, tra la caratteristiche di rilievo vi sarebbe l’eliminazione del periodo di “pre-breathing” che comporta tempi di esecuzione assai lunghi.


#3

E’ meravigliosa! Per entrare l’astronauta usa la suitport sulla parte posteriore della tuta che può agganciarsi ad una navicella spaziale, un rover o un habitat. Così è possibile entrare e uscire senza utilizzare una camera di compensazione sprecando meno aria e riducendo notevolmente il prebreathing. Se la tuta non ha la stessa pressione che c’è all’interno della navicella semplicemente la suitport non si apre.

Un altra notevole innovazione è il sistema di raffreddamento che, contrariamente alle tute utilizzate ora, non necessita del vuoto spinto per funzionare rendendo quindi possibile il suo utilizzo per esempio su Marte.

Molto probabilmente ho sbagliato qualche termine traducendo dall’inglese :roll_eyes:


#4

Bellissima.
Notavo il sistema dei lacci sulle scarpe; se ho visto bene, si calzano le scarpe e si stringono i lacci girando la rotella. (?)


#5

Speriamo che eliminino le strisce color verdino poi, per il resto, è OK.


#6

Ma i sistemi vitali sono molto piccoli e molto ben nascosti, o sono assenti in queste immagini? Perchè considerata la presenza della “suitport” non vedo molto spazio…

…e peraltro la suitport sembra pesantissima :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye: ok per gli asteroidi ma per Marte spero che quella roba sia meno pesante di quel che sembra, perchè dopo un viaggio di qualche mese in assenza di gravità non deve essere facile portarsi dietro un quintale di tuta…se non sbaglio le tute lunari del programma Apollo viaggiavano sui 110kg…un’inezia sulla Luna, ma già su Marte sarebbero stati circa 40kg, che già si sentono! :scream:


#7

Bè ma per evitare l’effetto Buzz Lightyear basta cambiare il colore degli inserti verdini con qualunque altra nuance, o c’è un motivo per cui sono proprio così?


#8

Per contribuire alla ricerca di forme di vita extraterrestri: si suppone che gli inserti lime-fluo possano attirare gli space-moscerini


#9

Un portellone sulla schiena… boh, bisogna davvero concentrarsi sull’assenza / scarsità di gravità perché abbia un senso.

Ma poi se spalancano il portellone mentre l’astronauta é tutto sudato sulla schiena, non prende il raffreddore? :stuck_out_tongue_winking_eye:


#10

Ha senso anche a 1-g, è il modo ordinario in cui i cosmonauti entrano in una tuta Orlan anche per l’addestramento a terra.


#11

Bellissima foto di Samantha!
Le tute Orlan x l’addestramento a terra potrebbero/dovrebbero essere più leggere (l’Orlan-GN, l’Orlan-T, e l’Orlan-V); ho letto che quelle certificate per le passeggiate spaziali pesano 112KG (Orlan-M) il che vorrebbe dire che Samantha deve camminare con 2 volte il proprio peso addosso. Possibile?


#12

No, viene appesa a una gru.


#13

Eh. Allora torniamo lì, non ha tanto senso a 1G :stuck_out_tongue: :wink:
Un “portellone” così può essere pensato solo da un qualcuno che ha esperienza pratica di assenza di gravità.


#14

L’intera tuta è pensata e progettata per l’uso in assenza di peso. Ciò non toglie che si possa entrarci anche ad 1G.
Non capisco su che cosa discordiate :slight_smile:


#15

Ma con il portellone di dietro,dove va il backpack con i supporti vitali?
E’ progettata solo per EVA ombellicari?


#16

Non stiamo discordando, stiamo discutendo IT.
Entrarci a 1G: si può tutto, ma tu riusciresti a camminare a lungo con 112 Kg addosso, ostacolato dalla pressione interna della tuta, sbilanciato da un portellone sulla schiena? Io peso già la bellezza di 90kg, sono alto 1,87cm, sono “tonico” ma non so quanto a lungo potrei resistere con addosso il peso di un altro me stesso + il mio cane “Gino” (20kg) in braccio :stuck_out_tongue_winking_eye: :stuck_out_tongue_winking_eye:

Quiz di Natale: chi sa quanto pesava un’armatura medioevale? Io mi sono meravigliato quando l’ho saputo :wink:

PS: per gli amanti dei cani, ecco Gino (non é prigioniero della rete)


IMG_4989_small.JPG


#17

Certo. Non era moderazione. Non capivo il punto :slight_smile:

No, e per quello a 1g si usano gru, piscine e quant’altro. La tuta è per gravità zero o gravità ridotte.
In effetti il tuo commento originale aveva senso, Paolo faceva notare che ci si riesce ad addestrare, non che sia comodo :slight_smile:


#18

[quote author=Astro_Livio link=topic=18875.msg1#msg1 date=1356427284]

Io dico 50kg!! Ci sono almeno vicino?? Si dovevano pur muovere!!


#19

50 kg max pesavano le armature integrali più avvolgenti mai costruite, quelle del 1400 per capirci, l’età d’oro di quest’arte, 2mm di spessore in ferro al top della complessità; un’armatura meno complessa pesava mediamente “solo” 30kg, quelle in cotta di maglia sotto i 20, una lorica segmentata attorno ai 18-22.
Difatti anche nel medioevo c’erano accese discussioni sull’utilità che poteva avere un’armatura di 50kg, perché il troppo peso rallentava notevolmente il combattente (metà forza e rapidità); probabilmente queste avevano un significato più estetico, prevalente di rappresentanza e di protezione passiva del “signore”.
Lo so anche xché faccio parte di un gruppo storico di rievocazione, a breve dovrò fare dei combattimenti in armatura :stuck_out_tongue_winking_eye: ed anche con pochi kg addosso servono parecchi muscoli.


#20

…e infatti dai musulmani, velocissimi e con archi allo stato dell’arte, prendevano un mazzo tanto… :stuck_out_tongue_winking_eye: