[2021-02-04] Falcon 9 Block 5 | Starlink 18

Dati principali del lancio

Data di lancio 2021-02-04 06:19:54
Esito lancio SUCCESSO

Dettagli della missione

Nome Starlink 18
Tipo Telecomunicazioni
Orbita Orbita bassa terrestre (LEO)
Costellazione Starlink
Lancio precedente Falcon 9 Block 5 | Starlink 16
Lancio successivo Falcon 9 Block 5 | Starlink 19

Centro e rampa di lancio

Nome Space Launch Complex 40 - Cape Canaveral, Florida, USA1 2 :us:
Lanci dalla rampa 154
Lanci dal Centro 858
Atterraggi al Centro 24

Lanciatore

Vettore Falcon 9 Block 5 1 2
Costruttore SpaceX :us: 1 2
Fornitore servizi di lancio SpaceX :us:1 2
Primo volo 2018-05-11
Numero stadi 2
Altezza 70,00 m
Diametro 3,65 m
Peso al lancio 549 t
Spinta al decollo 7.607 kN
CapacitĂ  di carico LEO: 22.800 kg
GTO: 8.300 kg
Successi/Lanci totali 121/121 (121 consecutivi)

Stadi e booster

Seriale Tipo Recupero Precedente Turnaround Successivo
ASDS/OCISLY
RIUSCITO TĂĽrksat 5A 27 g. Starlink 22

Video

Falcon 9 Starlink 18 with breaks cut out

Altri video

Altre informazioni

Patch di missione


Space X Starlink Mission Patch

Ultimo aggiornamento: 2022-09-25T07:05:23 con AstronautiBOT 10 beta 5 - Fonte: LaunchLibrary2 API

Un gruppo di altri 60 satelliti per la costellazione Starlink di SpaceX, creata con lo scopo di portare connessione veloce e a bassa latenza in tutto il mondo, in particolare nelle zone rurali e poco fornite.

ArriverĂ  la scheda di lancio di sicuro, ma pare che la prossima missione Starlink, la 18 con i satelliti operativi e la 19 in generale, verrĂ  lanciata da B1059, al suo sesto volo.

3 Mi Piace

La missione Starlink 18 (Kelly conta come Starlink 1 quella che noi consideriamo la V0.9) è prevista per 2021-02-04T05:24:00Z → 2021-02-04T06:00:00Z, dal pad 39A, come Starlink 17. @Lupin tieni anche conto di quanto tempo passa tra due lanci dalla stessa rampa? Perchè nei commenti di Twitter si parla del più rapido turnaround del pad 39A.

2 Mi Piace

@mattodeg il record attuale fra due lanci dalla 39A è di 12,0 giorni (fra Starlink 12 e Starlink 13).

3 Mi Piace

Grazie mille, statistiche eccezionali :heart_eyes:

1 Mi Piace

OCISLY è partita alla volta della landing zone. Chissà se vedremo come con GPS III SV04 e Starlink 12 l’atterraggio di un booster dall’altra chiatta :heart_eyes:

2 Mi Piace

Dalla zona di rientro del secondo stadio si capisce che ci sarà il doppio burn per circolarizzare l’orbita. Il dowrange è lo stesso.

3 Mi Piace

Meteo oltre 90% Go.

2 Mi Piace
4 Mi Piace

Dato che Starlink 18 partirĂ  prima di Starlink 17 (e buona fortuna a non fare confusione) le GO Sister sono partite alla volta della landing zone dei fairing e vi rimarranno, probabilmente, fino alla caduta delle ogive del secondo lancio.

3 Mi Piace

Meteo oltre 90% Go.

2 Mi Piace

Hanno cambiato booster.
Dal 1059 si passa al 1060.
E avanti e indrio. Cambio l’agenda.

5 Mi Piace

28 giorni per il refurbishment di questo booster. La casellina del bingo di un turnaround sotto i 60 giorni che giudicavo impossibile per ora è verde (se non sbaglio). Un trend decisamente migliorato rispetto a quello a cui eravamo abituati.

2 Mi Piace

Lancio effettuato con successo (fino al SECO almeno…). Primo stadio recuperato su OCISLY. :+1:t2:

Aspettiamo adesso il rilascio dei satelliti…

3 Mi Piace

Video dell’atterraggio.

7 Mi Piace

E per questo lancio doppia telemetria :heart_eyes: Speriamo rimanga così sempre.

5 Mi Piace

L’ho apprezzata molto anch’io!
Ma ho notato una cosa che non mi quadra: dopo l’entry burn, la velocità continuava a diminuire. Mi sarei aspettato un’accelerazione, visto che si sarebbe dovuto trovare in caduta libera. Le grid non mi sembrano così ampie da fare un “effetto paracadute”. :thinking:

Separazione dei satelliti avvenuta.

2 Mi Piace

la ragione non sta nelle grid fins, che servono a guidare la direzione di discesa della primo stadio di Falcon 9, ma nella resistenza aerodinamica che aumenta enormemente non appena vengono raggiunti durante la discesa gli strati superiori dell’atmosfera

la resistenza aerodinamica aumenta così tanto man mano che si avvicina al suolo, da portare la velocità da circa 5.000 km/h a poche centinaia di chilometri orari prima della accensione per l’atterraggio, per la sempre maggiore densità dell’aria incontrata mentre si avvicina a quota zero

7 Mi Piace