Dalla Slovacchia allo spazio: intervista a Ján Baláž e Šimon Mackovjak

Nuovo articolo di Gianmarco Vespia pubblicato su AstronautiNEWS.it

12 Mi Piace

:clap: :clap: :clap: complimenti Vespiacic!

1 Mi Piace

Assolutamente si’. Un enorme grazie a @vespiacic per l’accoppiata articolo + one-man-band-intervistator-traduttor-cameraman. :clap:

Mi sono goduto l’intervista sia per l’ottimo contenuto scientifico, sia per la genuinita’ delle persone intervistate e la voglia, che almeno a mio parere appare evidente, di far parte del club spaziale della volenterosa Slovacchia :slovakia: :eu:.

Quando JUICE partira’ sentiremo PEP un po’ piu’ “nostro” :slight_smile:

7 Mi Piace

Gian #1. Ottimo lavoro!

1 Mi Piace

Bellissima intervista. Gustata tutta d’un fiato.

1 Mi Piace

È stato bello avere l’occasione di visitare il dipartimento e parlare con uno scienziato e un ingegnere addetto a componenti spaziali, con un po’ di nostalgia, visto che 20 anni fa frequentavo un ambiente simile.
L’umore generale è un po’ quello che c’era in Italia, si fanno tante cose belle ma c’è poco riscontro nei finanziamenti, poco interesse generale, lo sconforto nel volto di Baláž quando si parla di investimenti futuri, ma anche l’entusiasmo di Mackovjak quando prova a coinvolgere la nuova generazione.

Con Šimon ho discusso dopo a telecamere spente (purtroppo) di un progetto a cui sta lavorando, relativo all’airglow, a cui faceva cenno anche nell’intervista. Si occupa di osservazione dell’atmosfera di notte nella banda dell’ultravioletto, ricordate quando pathos c’è stato per l’esperimento di @zzambot sulla ISS, e del suo MiniEUSO parcheggiato in doppia fila con Skybot?
Ve lo ricordo io: [2019-08-22] Sojuz 2.1a | Sojuz MS-14 Senza equipaggio

Mackovjak collaborava a un progetto simile da mandare sulla ISS, JEM EUSO, e mi disse proprio che MiniEUSO era un precursore di questa missione, poi si è deciso di andare su un satellite ad hoc e non sulla ISS. Si occupa anche delle osservazioni da Terra. Ricordate l’immagine GIF che ha postato zzambot sul thread Mini-EUSO - accensione del 7? Erano immagini bruttissime effettivamente con pochissimi pixel, bene parlando con Mackovjak mi sono reso conto di quanto poco importante sia la risoluzione, infatti sta lavorando su un progetto a una camera a un pixel. Sì, uno solo. Qui un documento in inglese, presente nel database del nostro INFN:
https://agenda.infn.it/event/14467/contributions/25217/attachments/17940/20339/mackovjak_AMON_AtmoHEAD_2018.pdf

Baláz è stato qualche giorno fa intervistato anche dalla TV nazionale, con un servizio un po’ più curato nell’immagine ma di livello tecnico inferiore in quanto destinato a un pubblico meno appassionato. È tutto in slovacco e senza sottotitoli, ma ve lo posto solo perché al minuto 2 c’è il pentolone che si vede nelle foto dell’articolo in azione:

Per il resto, questa intervista è l’ennesima dimostrazione che le grandi cose si fanno solo con collaborazioni internazionali allargate, ormai nessuno scienziato e nemmeno nessun dipartimento può sapere tutto di tutto.

9 Mi Piace

Però avere un esperimento accettato per una missione scientifica di punta mi sembra un risultato incoraggiante.

1 Mi Piace

Mi unisco ai ringraziamenti per l’articolo e l’intervista!!

1 Mi Piace

Complimenti per l’articolo e per i video e i link. Simon e’ un amico e collaboratore di EUSO da sempre. Loro hanno sempre portato avanti questo sensore AMON negli anni, piccolo ma estremamente raffinato e soprattutto tenendo sotto controllo la sistematica delle osservazioni e effettuando bene la misura assoluta degli UV. Originariamente volevamo mettere un amon dentro minieuso ma non c’e’ stato proprio il tempo, magari il prossimo, nel frattempo vorremmo installarne uno nello Utah http://jem-euso.roma2.infn.it/?page_id=155
di nuovo complimenti a intervistatore ed intervistato!
marco

3 Mi Piace

Grazie mille per il servizio!
PEP, tra gli altri, fa parte del mio lavoro ma trovandomi dalla parte finale della filiera alcuni dettagli interessanti mi sfuggono!

3 Mi Piace