Ripresa in modo regolare la produzione di Plutonio-238


#1

Dopo un po’ di ricerca, per non aprire un nuovo 3d, e anche nella speranza che questo si rianimi presto con le sue forze, posto qui un argomento che sfiora soltanto il topic.

E’ notizia degli ultimi giorni che gli USA si sono organizzati per avere una produzione regolare di plutonio-238, isotopo non adatto per farci le bombe e da utilizzare per le future missioni oltre l’orbita di Giove della Nasa, per alimentare gli RTG che sono indispensabili dove la radiazione solare e’ insufficiente.

E’ una cosa molto importante. Con la fine della guerra fredda e l’esaurimento delle riserve l’impossibilita’ di fare nuovi RTG incominciava a diventare preoccupante per il futuro dell’esplorazione spaziale.

Come scritto mi pare piu’ su, la sonda Juno e’ la piu’ lontana alimentata con pannelli solari ultra sovradimensionati, ma Giove e’ proprio il limite. Oltre serve il nucleare.

Inoltre gli RTG sono molto utili per eventuali rover su corpi anche piu’ vicini ma con insolazione ridotta o problematica. Marte, ad esempio, ma anche la Luna, durante la lunga notte lunare o all’interno dei crateri in eterna ombra dove potrebbe esserci acqua. Non parliamo di Titano o delle lune di Giove, o dell’eventuale esplorazione dei possibili oceani di Europa e Encelado. Sono tutte missioni importantissime.

Quindi e’ una buonissima notizia e mi sembrava il caso di postarla qui, dato che si temeva che New Horizon rischiasse di essere una delle ultime missioni “lontane”.

L’occasione per il post e’ che e’ apparso un buon articolo in italiano sull’argomento, eccolo:


New Horizons sorvola Ultima Thule: il più lontano corpo celeste mai osservato da una sonda planetaria
#2

Ho creato un nuovo topic (che non è sbagliato quando si cambia completamente argomento, ma la cosa giusta da fare :wink: ) e ne approfitto per linkare qualche discussione apparsa in precedenza sul forum sull’argomento.


#3

Una fonte più diretta di quest’ultima notizia potrebbe essere questa (dall’Oak Ridge National Laboratory):

https://www.ornl.gov/news/nuclear-deep-space-travel