[2021-12-08] Sojuz 2.1a | Sojuz MS-20

Dati principali del lancio

Data di lancio 2021-12-08 07:38:15
Esito lancio SUCCESSO

Dettagli della missione

Nome Sojuz MS-20
Tipo Esplorazione umana
Orbita Orbita bassa terrestre (LEO)

Veicolo spaziale

Nome Sojuz MS-20
Seriale Soyuz MS 11F732A48 #750
Destinazione International Space Station
Configurazione Soyuz
Trasporto equipaggi
Dimensioni altezza - m
diametro - m
Numero passeggeri Fino a 3 persone
Capacità di carico - kg

Equipaggio

Nome   Affiliazione Ruolo
Aleksandr Aleksandrovič Misurkin :ru: RFSA Comandante
Yusaku Maezawa :jp: SA Turista
Yozo Hirano :jp: SA Turista

Centro e rampa di lancio

Nome 31/6 - Cosmodromo di Baykonur, Repubblica del Kazakistan1 2 :kazakhstan:
Lanci dalla rampa 404
Lanci dal Centro 1534
Atterraggi al Centro 0

Lanciatore

Vettore Soyuz 2.1a 1
Costruttore Progress Rocket Space Center :ru: 1 2
Fornitore servizi di lancio Russian Federal Space Agency (ROSCOSMOS) :ru:1 2
Primo volo 2004-11-04
Numero stadi 3
Altezza 46,30 m
Diametro 2,95 m
Peso al lancio 312 t
Spinta al decollo 4.149 kN
Capacità di carico LEO: 7.020 kg
GTO: 2.810 kg
Successi/Lanci totali 33/34 (27 consecutivi)

Video

Soyuz MS-20 with initial coverage and post coverage cutThumbnail Photo Credit: Roscosmos

Altri video

Patch di missione


Soyuz MS-20 Patch

Ultimo aggiornamento: 2022-09-23T01:08:25 con AstronautiBOT 10 beta 5 - Fonte: LaunchLibrary2 API

3 Mi Piace

(Traduzione automatica) Soyuz MS-20 trasporterà il cosmonauta di Roscosmos Aleksandr Misurkin e due turisti spaziali giapponesi alla Stazione Spaziale Internazionale.

2 Mi Piace

L’altro turista spaziale è Yusaku Maezawa, quello che sarà il primo passeggero su un volo Starship in orbita lunare.

3 Mi Piace

Niente da fare per l’austriaca Johanna Maislinger che dovrà attendere ancora per poter andare nello spazio. Al fianco del cosmonauta esperto Aleksandr Misurkin e di Yusaku Maezawa ci sarà Yozo Hirano, un produttore cinematografico che lavora per Spacetoday. Nei 12 giorni sulla Stazione, lui documenterà il viaggio e la missione del connazionale Yusaku Maezawa.

3 Mi Piace

E così delle prossime 14 persone che andranno nello spazio (quattro con Inspiration4, quattro con SpaceX Crew 3 e tre con Sojuz MS-19 e MS-20) ben 8 non saranno astronauti professionisti! La seconda metà del 2021 sarà ricordata come una rivoluzione in questo senso. Alzi la mano chi si aspettava un inizio così prorompente del cosiddetto turismo spaziale “di massa”, tra l’altro saltando a piè pari i voli turistici suborbitali che sono ancora fermi al palo malgrado anni di test e annunci vari.

6 Mi Piace

Per completezza storica vale la pena collegare qui il Topic che avevamo aperto lo scorso anno, dove discutemmo della possibile partecipazione, ora ufficialmente smentita, dell’austriaca Johanna Maislinger.

2 Mi Piace

MZ chiede aiuto per sapere cosa fare una volta nello spazio…

1 Mi Piace

Iniziato l’addestramento serio per i due astronauti giapponesi.

5 Mi Piace

Svelato l’emblema della Sojuz MS-20. In sintesi, la grafica fonde due elementi che rappresentano le tre persone coinvolte nel volo: l’aquila in onore della città Orël (per l’appunto aquila in russo) in cui ha studiato e vive tuttora i genitori di Aleksandr Misurkin. Il piumaggio bianco dell’uccello insieme al cerchio rosso si rifanno ai colori della bandiera Giappone, paese che ha dato i natali ai due partecipanti al volo spazio, Yusaku Maezawa e Yozo Hirano.

https://www.roscosmos.ru/31866/

5 Mi Piace

Intervista di Maezawa riguardo al suo addestramento.

2 Mi Piace

È comparsa un’altra versione della patch.

4 Mi Piace

:open_mouth: Dove siamo? :thinking:

Non sono i classici ambienti della sala di allestimento payload di Bajkonur presso la quale siamo abituati a veder movimentare le Sojuz.

In realtà ci troviamo nella sede di RSC Energia, la società Roscosmos che produce Sojuz e Progress. Risalendo più del’abituale nel “ciclo produttivo” l’agenzia russa ci fa sapere che la Sojuz MS-20 ha ultimato il programma di test presso la casa madre (sui singoli sistemi e sull’intero veicolo, ivi compreso il test di tenuta stagna) ed è partito in treno per il cosmodromo il 1° settembre scorso.

Ecco un po di insolite immagini che ci mostrano la preparazione del veicolo al viaggio.

https://www.roscosmos.ru/32393/
https://www.energia.ru/en/news/news-2021/news_09-01.html

10 Mi Piace

Maezawa era al JSC per le fasi finali dell’addestramento.

2 Mi Piace

Foto ufficiale (a parte la posa) dell’equipaggio.

5 Mi Piace

Completati con successo i test della Sojuz nella camera a vuoto.

3 Mi Piace

27 giorni al lancio.

2 Mi Piace

Mi chiedo perché Maezawa abbia “tradito” Musk per un volo con i Russi, quando avrebbe sicuramente avuto un posto sulla Dragon, pagando probabilmente anche meno…

Sull Dragon ne servivano altri 2 da trovare. Oltre ad una mancanza di portelloni sulla ISS (ma qui dev0 chiedere conferma a @LuckyFive ) e la disponibilità stessa di capsule Dragon.

Non parlerei di un vero e proprio tradimento @Luciano_Davidovich. Non sappiamo esattamente quali fossero le priorità di Yusaku Maesawa che lo hanno spinto ad affidarsi a Dimitrij Rogozin. Ammesso e concesso che abbia contattato Elon Musk, non escludo che l’uomo d’affari giapponese avesse una certa disponibilità temporale per la missione (addestramento, lancio e riabilitazione) e che questa non fosse compatibile con la prima opportunità utile offerta da SpaceX.

Vi ricordo che l’azienda statunitense ha importanti contratti con la NASA da onorare e ai quali deve dare la priorità rispetto ai lanci “interni”. Già a dicembre c’è una Cargo Dragon, ad esempio. Forse qui i veri fattori limitanti, come dice @mattodeg, sono la mancanza di una Crew Dragon pronta e un ormeggio libero. In tutto questo andava sentito il parere della NASA, siccome il modulo Harmony è di loro proprietà.

Nulla ti vieta Luciano di inviare la tua domanda all’agenzia di stampa Tass nei giorni antecedenti la conferenza stampa con i giornalisti, utenti Twitter, etc. Essendo di solito il moderatore dell’intervista, apre dei canali per raccogliere e selezionare dei quasiti da sottoporre all’equipaggio. Magari sei fortunato :crossed_fingers:

Sui costi non entro nel merito, non sono abbastanza informato, ma una cosa la dico: siete sicuri che la Dragon ha un prezzo d’acquisto più basso? Il costo, tratto da un bando pubblico, di una Sojuz nuova si aggira sui 33 milioni di euro.

Chiusa parentesi, esprimo una mia opinione personale, nessuno me ne voglia. Secondo voi è un demerito per una persona andare nello spazio con la Sojuz e vivere l’esperienza russa di Roskosmos anziché quella più cool e tecnologicamente avanzata di SpaceX? La storia spaziale la si respira a Bajkonur (Città delle Stelle compresa) tanto quanto a Cape Canaveral. A fare la differenza sono le condizioni di contorno che, per ognuno di noi, possono avere un peso diverso: da un lato le tradizioni cosmonautiche nel percorso di avvicinamento al lancio (e al rientro) molto sentite in Russia, dal lato opposto la spettacolarità SpaceX, il design futuristico e il comfort della Dragon.

7 Mi Piace

Che io sappia (il che non vuol dire molto) SpaceX non ha un contratto con NASA per l’accesso proprio alla ISS, portano solo su e giù gli astronauti per conto dell’agenzia. Axiom invece ce l’ha e userà SpaceX sempre come fornitore del trasporto.
Può essere che Maezawa non fosse soddisfatto dell’offerta di Axiom (magari per i tempi di attesa lunghi, per il prezzo, per la compagnia o chissà cos’altro) oppure volesse vivere l’esperienza russa che ha il suo fascino a prescindere dalle tecnicità del volo.
Non mi risulta che sia neanche stato cancellato il progetto DearMoon per cui i rapporti con SpaceX dovrebbero essere ancora buoni

3 Mi Piace